Testo Quando-nell-ultima-cena


Quando-nell-ultima-cena

1     Quando nell'ultima cena,
     tradito da Giuda infelice,
     con le sue mani Cristo si offerse in cibo,
     svelò il gran mistero:

     " Prendete, mangiate il mio corpo,
     che immolo per voi".

     O pane disceso dal cielo,
     chi gusta la tua dolcezza non muore
     ma vive in eterno. leste.
     O calice santo del sangue di Cristo,
     sei prezzo d'eterna salvezza,
     sei fonte di grazia celeste.

2     Quando nell'ultima cena,
     vigilia di cruda passione,
     Cristo agli amici porse fragante vino,
     svelò il gran mistero:

     " Prendete, bevete il mio sangue,
     ch'è sparso per voi".